A caccia di sprechi: la filosofia LEAN

HR

Il Lean management (o Lean Manufacturing) è una filosofia gestionale nata in Giappone nella Toyota e ora divenuta popolare in tutto il mondo, in ogni genere di organizzazione. 

 

Uno dei pilastri del movimento Lean è l’identificazione e l’eliminazione degli sprechi. Ogni attività che non porta un valore aggiunto al prodotto/servizio può venire considerata come spreco (muda in giapponese).

 

In breve, la filosofia Lean prevede 8 categorie di spreco:

 

Tipo di spreco

Cos’è ?

Difetti Tempo speso a produrre difetti e a correggere gli errori
Produzione eccessiva (overproduction) Fare più di quanto necessario o farlo prima di quanto richiesto
Trasporto Movimentazione non necessaria di materiale
Attese Tempo speso nell’attesa dell’inizio dell’attività successiva
Magazzino Eccessivo immagazzinamento di materiale, sprechi dovuti a materiale obsoleto o danneggiato dall’immagazzinamento
Movimento Movimento non necessario di persone nel sistema
Attività non necessarie Eseguire attività non necessarie per la produzione o erogazione del servizio (incluso attività causate da una definizione esagerata delle richieste di qualità del cliente)
Potenziale umano Sprechi sistemici dovuti al fatto che i collaboratori non vengono coinvolti, motivati, ascoltati, incentivati nella carriera 

 

L’approccio giapponese distingue inoltre due categorie di spreco:

  1. sprechi (attualmente) inevitabili, dovuti a limiti tecnologici (attuali), a vincoli legali, a vincoli esterni, ecc.: questi sprechi possono essere eliminati solo con interventi  di fondo, che cambiano sostanzialmente la natura del processo (per es. acquisto di una nuova macchina produttiva; implementazione di un nuovo software gestionale per le transazioni commerciali,…)                                                       
  2. sprechi evitabili, che possono essere eliminati con modifiche di processo (con costi nulli o molto contenuti), cambiamento di flusso, di atteggiamento, di layout, ecc.: è su questo tipo di sprechi che si agisce in prima linea nei progetti Lean. Questa distinzione è importante per capire dove sono le priorità di intervento e la fattibilità/costi di interventi di miglioramento.

Questa distinzione è importante per capire dove sono le priorità di intervento e la fattibilità/costi di interventi di miglioramento.

 

Fonte: Fabio Frigo-Mosca, AFG Management Consulting

Pin It